domenica 25 aprile 2010

Anche i terzini fanno le prove

Qui non si parla di calcio. I terzini sono ragazze e ragazzi di terza media, le prove sono le prove nazionali Invalsi (sul significato della sigla Invalsi ho già detto qui).
Gli esami sono vicini, come canta Venditti. (E noi siamo troppo lontani dalla fine del programma.)
E allora, cari i miei terzini, suggerisco di allenarvi per la prova nazionale. Potete farlo online qui, qui e anche qui. Se guardate bene c'è anche la possibilità di scaricare le prove in formato rtf  (è un formato di testo che si può aprire con Word), magari stamparle e farsele con calma.
Molti l'hanno già fatto (buona idea) ma vi segnalo anche i collegamenti alla pagina ufficiale dell'Invalsi, dove si può scaricare la prova dell'anno 2008/2009.
Infine c'è la pagina della casa editrice Zanichelli. Ci sono i testi dei due anni scolatici passati e anche un paio di simulazioni. si può scegliere la modalità allenamento (il computer vi dice dove sbagliate), la modalità test (fate la prova completa on line) oppure scaricare il testo in formato pdf.
Può bastare?

sabato 24 aprile 2010

Provare a fare le prove

Il 13 maggio tutti i ragazzi di prima media (anche le ragazze, sì) dovranno sostenere una prova di matematica. Intendo proprio tutti, in tutta Italia: la prova è nazionale, gestita dall'Invalsi (sigla che corrisponde al pomposo nome dell' Istituto Nazionale per la VALutazione del Sistema educativo di Istruzione e di formazione).
Non c'è da preoccuparsi, cari primini, ha solo scopi statistici, non vi verrà dato nessun voto. Il che non significa che la si debba fare senza impegno. Per questo ho deciso di mettere qui un paio di allenamenti. Ho "rubato" entrambi i collegamenti dal sito Osmosi delle idee, molto ricco di materiale utile.
Il primo allenamento è in realtà una prova Invalsi del 2003/2004. Potete scaricarla come pdf, magari stamparla e farla con calma (tenete conto che andrebbe svolta in 1 ora).
Il secondo allenamento è un test da fare online, con domande simili a quelle che potrebbero esserci nella prova del 13 maggio.

giovedì 22 aprile 2010

101 di questi giorni

Il messaggio che invio, e credo anche più importante di quello scientifico, è di affrontare la vita con totale disinteresse alla propria persona, e con la massima attenzione verso il mondo che ci circonda, sia quello inanimato che quello dei viventi. Questo, ritengo, è stato il mio unico merito.  

(Rita Levi Montalcini)

Oggi si festeggia un compleanno importante: Rita Levi Montalcini compie 101 anni. Mi accodo ai tanti auguri che si leggono sulla rete e sui giornali. Tra l'altro, stasera dalle ore 21 la rete celebra l'avvenimento con una diretta online.
Rita Levi Montalcini non è una persona qualunque. Non solo per la sua età, ma per la storia della sua vita: ha attraversato il secolo con una forza d'animo, una lucidità, un amore per la conoscenza che lasciano ammirati.
Ha attraversato due guerre mondiali, è stata costretta a emigrare per le leggi razziali fasciste, si è costruita un laboratorio in casa per continuare le proprie ricerche, ha fatto scoperte importanti, ha ottenuto un premio Nobel, nel 2001 il presidente Ciampi l'ha nominata senatrice a vita, ha sostenuto e sostiene la ricerca scientifica (così bistrattata nella nostra Italia!), ha fondato un istituto di ricerca, ha dato vita a una fondazione che ha per motto "il futuro ai giovani". Una donna da cui abbiamo molto da imparare.
Di recente è stato pubblicato un libro, breve ma denso, che racconta la sua vita: Alla scoperta dei Premi Nobel, Rita Levi Montalcini. Non è in vendita, lo si riceve gratis associandosi all'Associazione Levi-Montalcini. Informazioni dettagliate si trovano sul sito dedicato al libro.
L'anno scorso il compleanno era quello dei 100 anni. Per l'occasione la trasmissione televisiva TV7 aveva dedicato uno speciale alla scienziata. Una delle sempre più rare occasioni in cui vale la pena guardare la TV.
Grazie a YouTube è ancora possibile guardare quello speciale, suddiviso in 7 spezzoni. Qui metto il primo filmato e i link agli altri sei spezzoni.

 

I 100 anni di Rita Levi Montalcini - Speciale TV7 parte 2/7 

I 100 anni di Rita Levi Montalcini - Speciale TV7 parte 3/7

I 100 anni di Rita Levi Montalcini - Speciale TV7 parte 4/7

I 100 anni di Rita Levi Montalcini - Speciale TV7 parte 5/7

I 100 anni di Rita Levi Montalcini - Speciale TV7 parte 6/7

I 100 anni di Rita Levi Montalcini - Speciale TV7 parte 7/7

mercoledì 14 aprile 2010

Imbattibili batteri

Sulla Terra vi sono tre miliardi di uomini, e sembrano moltissimi solo fino a quando consideri che dieci volte o persino cento volte tanti batteri possono essere contenuti in un fiasco.
(da Andromeda, di Michael Crichton)

Ad ogni boccata d'aria ne respiriamo più o meno 10.000. Se bevi un bicchiere di latte pastorizzato te ne becchi circa 6 milioni. In una goccia di saliva umana (da una bocca sana) se ne trovano qualcosa come 150 milioni.
Sono i batteri. Esserucoli fatti di una sola cellula, senza neanche un nucleo degno di tale nome. Eppure a ben vedere sono il gruppo di organismi di maggiore successo sulla Terra: sono dappertutto, dalle profondità dell'oceano alle profondità delle nostre viscere (bleah!), dai vulcani ai ghiacci perenni.
Non siamo neanche in grado di sapere con decente approssimazione quante specie di batteri esistano. Anzi, abbiamo addirittura difficoltà a definire con certezza cosa sia una specie batterica.
Alla parola "batteri" c'è chi andrebbe subito a lavarsi le mani con l'amuchina (che andava tanto di moda nelle nostre scuole fino a qualche mese fa) e chi invece pensa a mangiarsi uno yogurt, coi suoi lattobacilli. Né l'uno né l'altro vedrà alcun batterio. insomma i batteri sono parte della nostra vita ma sono un po' misteriosi e un po' affascinanti.

E allora ecco due approfondimenti sui batteri.
Il primo è la continuazione di un post precedente: si tratta della ricerca sulla riproduzione dei batteri, svolta da Maria Colombo, Marco Falleri, e Chiara Zanini, della prima A. Anche a loro, come ai loro predecessori, vanno i miei complimenti.
Il secondo (lo trovate più sotto) è un filmato in cui una ricercatrice americana parla di batteri. E' in inglese (ma si possono attivare i sottotitoli in italiano) e non è neanche tanto semplice ma credo che valga la pena di guardarlo: si parla tra l'altro di esseri umani che sono (siamo) in realtà per il 90% batteri, di batteri bioluminescenti, di un calamaro che "alleva" batteri dentro di sé, di batteri che comunicano tra loro con messaggi chimici. Cose così.


BATTERI2                                                              

lunedì 12 aprile 2010

Le chiavi del parco

Un viaggiatore una volta chiese alla domestica di Wordsworth di mostrargli lo studio del suo padrone, e lei rispose: "Questa è la biblioteca, ma il suo studio è là fuori, oltre la porta".
(da Camminare, di Henry David Thoreau)


La primavera è arrivata. Lo so perché cominciano a lacrimarmi gli occhi. Non è emozione, è allergia. Ma ad ogni primavera arriva la voglia di uscire: chiudere i libri, spegnere il computer e andare nei prati a guardare le formiche arrampicarsi sui fili d'erba.
Ora, prima di lascarmi andare a eccessi di romanticismo, arriverò al punto. E il punto è che per una volta sono riuscito a rispettare i tempi previsti all'inizio dell'anno: all'arrivo della primavera, l'argomento che stiamo affrontando in prima A sono le piante. Questo significa che si può organizzare una lezione all'aperto, per riconoscere alcune delle piante che ci sono nel giardino della nostra scuola. (Qui ci starebbe bene un applauso, magari qualche urlo di gioia: non è che tutte le scuole italiane abbiano a disposizione un parco privato in cui fare lezione.)
Ho preparato un esempio di chiavi dicotomiche con alcune immagini. L'idea è di arrivare a riconoscere una pianta osservandone le foglie. Venerdì, se non piove, si esce. Buona primavera a tutti.

PS: per scaricare il file, clicca col tasto destro su "Chiave dicotomica", qui sotto. Scegli di aprire in una nuova scheda. Nella nuova pagina clicca su "Download" e scarica come pdf.


Chiave dicotomica                                                            

giovedì 8 aprile 2010

I batteri della prima A

Ogni promessa è debito. Avevo detto che avrei messo sul blog un paio dei lavori sui microrganismi svolti dai ragazzi della prima A. Ed ecco qui il primo. Si tratta di una ricerca sui batteri. Mi sono permesso solo una piccola correzione di forma a una frase, tutto il resto è opera di Lisa Balzarini, Francesca Faggin e Valentina Resio (in rigoroso ordine alfabetico). I miei complimenti alle tre autrici.
Seguirà, spero a breve (ovvero appena gli autori mi faranno avere il file) un lavoro sulla riproduzione dei batteri.
NB: quelli nella foto qui di fianco sono batteri fatti all'uncinetto. La foto è tratta da un sito internet in cui si trovano anche le istruzioni per realizzarli. Magari per la prossima ricerca...
I BATTERI                                                            

mercoledì 7 aprile 2010

Circolare, circolare!

Nuovo apparato, nuova tornata di filmati per i secondini (nel senso di "quelli di seconda A"). Sono tutti video caricati sul canale You Tube di Scuolanetwork, pseudonimo dietro cui c'è un insegnante di scienze, cui vanno i miei ringraziamenti.
  • Il solito Piero Angela con due filmati sul cuore: uno e due.
  • Altri due video sul cuore, stavolta della Coronet: uno e due.
  • Ancora due filmati della Coronet, questi sull'apparato circolatorio: uno e due
Per chi si chiedesse cos'è mai 'sta Coronet, ne ho accennato in un post precedente.
Un piccolo consiglio: è possibile cliccare col tasto destro del mouse su ogni collegamento e poi scegliere "Apri in nuova scheda" oppure "Apri in un'altra finestra" (o qualcosa del genere, dipende anche dal programma che state usando). In questo modo questa pagina rimarrà aperta e non sarete costretti a tornare indietro o riaprirla per vedere il filmato successivo.